BLOG CONSULENZA FINANZIARIA INDIPENDENTE

CONSULENZA FINANZIARIA INDIPENDENTE

BLOG

Blog > 15 dicembre 2021

LA TASSAZIONE DELLE PLUSVALENZE ED IL RECUPERO DELLE MINUSVALENZE


Il fisco italiano NON è amico dell'investitore e credo che questa affermazione non sorprenda i lettori.

Non è amico per diversi motivi.

In primis, le aliquote di tassazione sugli utili generati dagli investimenti sono cresciute dal 12,5% al 20% ed infine all'attuale 26% nell'arco di pochi anni (la tassazione sui Titoli di Stato è invece rimasta ferma al 12,5%).

Inoltre nel 2012 è stata introdotta la cosiddetta "imposta di bollo", cioè una minipatrimoniale dello 0,20% annuo sul controvalore del patrimonio investito in attività finanziarie (non tutte le attività ma quasi).

Le aliquote si sono mosse al rialzo e non è detto che non possano salire ancora in futuro.

Un altro aspetto più sottile ma insidioso previsto dal fisco per penalizzare i risparmiatori è il seguente: quando un investitore vende uno strumento in perdita, la minusvalenza che si genera può essere utilizzata per compensare i futuri guadagni MA solo per un periodo limitato: l'anno in cui è stata generata e nei quattro anni solari successivi. Le minusvalenze hanno una scadenza, dopo la quale vengono cancellate.


 
tassazione plusvalenze e recupero minusvalenze


Attenzione: non tutte le plusvalenze possono essere compensate con le minusvalenze pregresse!
E qui sta il capolavoro del nostro Testo Unico Imposte sui Redditi, quando distingue tra:

REDDITI DIVERSI
sono le plusvalenze generate da azioni, obbligazioni, derivati, certificati, ETC, ETN e sono compensabili con le minusvalenze.

REDDITI DI CAPITALE
sono considerati come meno "aleatori" rispetto ai redditi diversi e quindi su questi la tassazione è sempre dovuta.
Rientrano in questa categoria le cedole dei titoli obbligazionari e i dividendi sui titoli azionari. Questi redditi NON sono compensabili con le minusvalenze pregresse. Purtroppo il fisco fa rientrare in questa categoria anche le plusvalenze su Fondi Comuni / Sicav / ETF cioè i prodotti più diffusi tra i risparmiatori con la conseguenza che sugli utili ottenuti su questi prodotti verranno sempre pagate le tasse sul capital gain, anche in presenza di minusvalenze pregresse.


 
Siamo di fronte ad una sorta di paradosso.
Un investitore che vende le azioni Apple, Amazon o Microsoft può compensare gli utili realizzati con le minusvalenze. Se lo stesso investitore vende, ad esempio, un ETF sull'indice S&P500 non può compensare gli utili con le perdite pregresse e sarà costretto a pagare sempre la tassa sul capital gain. Sembra che il governo abbia intenzione di porre un rimedio a questa "anomalia". Ce lo auguriamo tutti, anche perché questo è un problema arcinoto ma sul quale finora non è intervenuto nessun legislatore.
 
 

Cosa può fare l'investitore per gestire al meglio la questione delle minusvalenze?

Verso la fine di ogni anno è opportuno controllare la "posizione fiscale" presso la propria banca. Se ci sono delle minusvalenze in scadenza si può controllare la presenza in portafoglio di strumenti in positivo che generano "redditi diversi". Questi strumenti possono essere venduti e riacquistati a partire dal giorno successivo in modo che la plusvalenza venga compensata con la minusvalenza pregressa.

Esiste poi il tema dello spostamento in avanti delle minusvalenze attraverso la compravendita di certificati aventi una struttura particolare (i cosiddetti maxi-coupon). Attenzione: NON si recupera la minusvalenza ma la si sposta in avanti in modo da non farla scadere ed avere più tempo per recuperarla. Non è possibile svolgere questa attività in qualsiasi banca, ma solo presso quegli istituti che operano la cosiddetta "compensazione immediata" dei redditi provenienti dai certificati.

Consiglio ai lettori di rivolgersi ad un Consulente Finanziario Indipendente per avere un supporto in questa attività che, come avete potuto capire leggendo questo articolo, presenta delle complessità.


  DOWNLOAD ARTICOLO »



RACCOMANDAZIONI GENERALI
Le presenti informazioni sono state redatte con la massima perizia possibile in ragione dello stato dell'arte delle conoscenze e delle tecnologie. Il presente documento non è da considerarsi esaustivo ma ha solo scopi informativi. La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio. Le informazioni ed ogni altro parere resi nel presente documento sono riferiti alla data di redazione del medesimo e possono essere soggetti a modifiche. Davide Vivian non deve essere ritenuto responsabile per eventuali danni, derivanti anche da imprecisioni e/o errori, che possano derivare all'utente e/o a terzi dall'uso dei dati contenuti nel presente documento. Davide Vivian non assume responsabilità in merito al trattamento fiscale degli strumenti illustrati. I pareri espressi da Davide Vivian prescindono da qualsiasi valutazione del profilo di rischio e/o di adeguatezza e sono da intendersi come "Ricerche in Materia di Investimenti" ai sensi dell'art. 27 del Regolamento congiunto Consob e Banca Italia del 29 ottobre 2007 redatte a titolo esclusivamente informativo e non costituiscono in alcun modo prestazione di un servizio di consulenza in materia di investimenti, il quale richiede obbligatoriamente un'analisi delle esigenze finanziarie e del profilo di rischio specifici del singolo utente/cliente, né costituiscono un servizio di sollecitazione in genere all'investimento in strumenti finanziari. Nel caso in cui l'utente intenda effettuare qualsiasi operazione è opportuno che non basi le sue scelte esclusivamente sulle informazioni indicate nel presente documento, ma dovrà considerare la rilevanza delle informazioni ai fini delle proprie decisioni, alla luce dei propri obiettivi di investimento, della propria esperienza, delle proprie risorse finanziarie e operative e di qualsiasi altra circostanza.





« TUTTI GLI ARTICOLI


 

Sei sicuro di aver investito bene?

Ti piacerebbe una valutazione indipendente dei tuoi investimenti?


Consulenza Finanziaria Indipendente priva di qualsiasi conflitto di interesse senza alcun legame con intermediari.
 

 via Rialto 5 36063 Marostica VI Italy
 +39 0424 72 830
 info@imad2.it
 
P.IVA 04181120249   |   Privacy
 
ISCRIZIONE ALBO
CONSULENTI FINANZIARI
Iscrizione all'Albo Unico dei Consulenti Finanziari (Organismo OCF)
con delibera n. 1007 del 30/01/19
e n. 1054 del 28/03/19
- Informativa ACF
- Informativa Precontrattuale


Utilizziamo software professionale Bloomberg

Siamo associati Nafop